BIRDWATCHING A PANTELLERIA - CONOSCEREPANTELLERIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

BIRDWATCHING A PANTELLERIA

ATTIVITA'
BIRDWATCHING A PANTELLERIA (Sicilia)
Quest'isola  sin dalle origini ha nella sua millenaria storia un rapporto privilegiato con i grandi flussi migratori di uccelli che sceglievano come punto di riferimento visivo e di stazionamento per le rotte verso l'Africa in autunno e viceversa in primavera verso l'Europa, tanto che uno dei nomi antichi di Pantelleria è stato Yrnim (l'isola degli uccelli starnazzanti) Nella preistoria fonte di cibo proteico e di facile cattura per l'immensi stormi che riempivano le valli tra le numerose colline alla ricerca di semi ed insetti (nel villaggio preistorico di Mursia sono stati trovati strati di resti ossei di numerose specie) grazie anche  l'incredibile Lago che attirava come un richiamo di una mitologica sirena stormi di uccelli acquatici. Oggi per gli amanti del birdwatching, Pantelleria è una fonte incredibile di occasioni per fotografare le numerose di specie che stazionano anche per  alcune  settimane prima di intraprendere il volo verso la meta della migrazione, il tutto unito ad un contesto paesaggistico e di vegetazione uniche che vengono illustrati in altre pagine specifiche. Quest'isola è oggi  un'oasi che merita una sosta dei viaggiatori alla scoperta di luoghi nuovi per birdwatching e insieme anche un percorso nella natura.   



BIRDWATCHING IN PRIMAVERA E IN AUTUNNO A PANTELLERIA
Girare ed osservare e poter fotografare ogni specie di uccelli migratori è comune in questo periodo, proprio grazie alla presenza di grandi aree boschive e di zone impervie quali Gelfiser, Kaggiar, Cimillia, dove possono sostare indisturbati perché sono poco frequentati, ma si possono fotografare anche gli uccelli stanziali di cui alcuni rari che in Europa si trovano solo a Pantelleria, come la Cinciarella algerina, minuscolo e colorato volatile, che merita di dedicare del tempo alla ricerca perché è sfuggevole e poco visibile anche viste le sue dimensioni. Un lungo elenco di occasioni, che si possono avere unite alla grande bellezza del paesaggio pantesco che in questo sito descritto approfonditamente,  riempiono le giornate di vacanze primaverili e autunnali a Pantelleria.



Beccamoschino iberico a Pantelleria su un ramo di Periploca angustifolia. Unica stazione italiana  di questa specie. foto prop. P.F.

esemplare di Gheppio fotografato tra i lapilli vulcanici di Kuddie Rosse da P.F.


Cinciarella algerina a Pantelleria unica stazione europea di questa specie - foto prop. P.F.



Lui piccolo


Codirosso spazzacamino femmina, bella foto contestualizzata a Pantelleria accanto ad un tipico vitigno di zibibbo  (gennaio 2015)  foto realizzata da P.F

BIRDWATCHING IN PRIMAVERA E IN AUTUNNO A PANTELLERIA

Girare ed osservare e poter fotografare ogni specie di uccelli migratori è comune in questo periodo, proprio grazie alla presenza di grandi aree boschive e di zone impervie quali Gelfiser, Kaggiar, Cimillia, dove possono sostare indisturbati perché sono poco frequentati, ma si possono fotografare anche gli uccelli stanziali di cui alcuni rari che in Europa si trovano solo a Pantelleria, come la Cinciarella algerina, minuscolo e colorato volatile, che merita di dedicare del tempo alla ricerca perché è sfuggevole e poco visibile anche viste le sue dimensioni. Un lungo elenco di occasioni, che si possono avere unite alla grande bellezza del paesaggio pantesco che in questo sito descritto approfonditamente,  riempiono le giornate di vacanze primaverili e autunnali a Pantelleria.  

pantelleria - nido di passero solitario in una roccia a contrada Serraglia

Grosso blocco
di lava sodatrachiticha
coperto di licheni con
nido di Passero solitario
nel piccolo foro
foto prop.T.L.M.

Pantelleria flora endemica
Persicaria senegalensis con i fiori nella buvira Arenella foto prop. A.B
LA BUVIRA DI ARENELLA (Pantelleria)
Nonostante questo sito è alla periferia di Pantelleria Centro ed anche a margine di una zona artigianale e con ruderi del dopoguerra è una microasi per molte  specie di uccelli ed in particolare quelli acquatici che scelgono di stazionare in questa antica buvira (pozzo di acqua dolce) a cielo aperto per molto tempo ed anche gli uccelli stanziali frequentano questo piccolo specchio d'acqua (mq.60/70). La possibilità di fare foto uniche con una vegetazione che circonda la sponda che proprio questi uccelli hanno portato dei semi che provenivano dall'Africa e qui  vi è l'unica stazione in Europa di Persicaria senegalensis.

Nitticora tra la
Persicaria senegalensis
nella buvira Arenella
foto prop. A.B.



MAPPA PER IL BIRDWATCHING A PANTELLERIA
Prima ed unica mappa per il birdwatching

 realizzata con informazioni di ex cacciatori


A - ZONA SOSTA UCCELLI MIGRATORI ACQUATICI
B - ZONA  CACCIA RAPACI MIGRATORI E STANZIALI
C -
ZONA SOSTA UCCELLI MIGRATORI
D -
ZONA  FREQUENZA UCCELLI STANZIALI

Un’escursione di birdwatching a Pantelleria (Sicilia)

Oltre alla mappa generale dell’isola di Pantelleria per individuare le aree dove è possibile trovare con frequenza avvistamenti di volatili sia migratori che stanziali, si propone un percorso naturalistico tra i più completi per effettuare birdwatching e usufruire delle diversità naturalistiche e paesaggistiche. Il “Sentiero del Lago” che parte dal Lago Specchio di Venere e si inoltra tra le contrade di Sillume, Khannaki, Gelfiser, Tikirriki, Bugeber e ritorno al Lago è un percorso da trekking della lunghezza di km 10,8 con un’ altezza minima in partenza di metri 8 s.l.d.m. ed un’altezza massima di metri 368 con un tempo medio di percorrenza di circa 4 ore. Il percorso inizia dal Lago che è considerato un’oasi protetta per uccelli migratori acquatici e molti stazionari che vivono attorno allo specchio d’acqua lacustre, fonte di nutrimento per molte specie. Iniziando la salita di Sillume si trova un bosco di grandi esemplari di lecci e corbezzoli che creano un habitat ideale per specie di uccelli che preferiscono vivere nei boschi. Si attraversa la valle di Khannaki e grazie alle correnti ascensionali che si formano con i vortici della costa di Rukia è una zona di caccia perfetta per rapaci (gheppio stanziale, ed altri migratori). Attraversando l’impervia e unica zona disabitata (priva di coltivi e dammusi ) di  Gelfiser ( grande ex cratere imploso) dove  l’uomo passa raramente ( solo per escursioni) vi stazionano diversi uccelli che nidificano nelle alture rocciose, è uno dei luoghi particolari per il birdwatching. Infine Contrada Tikirriki e Bugeber composti da terreni fertili e coltivati, sono zone di piccoli uccelli stazionari che vivono in simbiosi con gli agricoltori. Si ritorna al lago.




BIRDWATCHING AL LAGO



Pantelleria fenicottero in volo nel Lago Specchio di Venere

Fenicottero in volo al lago
foto prop. P. F.

Piro piro piccolo sulla riva del lago
foto prop. T.L.M.

Spatola sulla riva del lago
foto prop. T.L.M.

gruppo di Cavalieri d'Italia sulla riva del lago
foto prop. T.L.M
.


STORIA DEL BIRDWATCHING A PANTELLERIA

L'interesse scientifico degli ornitologi per Pantelleria è attestato dal IV CONVEGNO ITALIANO DI ORNITOLOGIA che si svolse sull'isola dal 21 al 27 Settembre 1987. Molti studiosi stimarono la presenza in quel periodo di circa 300-400 coppie di Cinciarella algerina che è l'unico insediamento europeo di questa specie.



POTREBBE INTERESSARE


Torna ai contenuti | Torna al menu